Stranges: «Vinto un derby maschio. Morrone, godiamoci gli under»

La Morrone va dritta per la sua strada. Il 3-1 rifilato alla Brutium Cosenza consente a gli uomini guidati da Lorenzo Stranges di confermarsi in vetta al fianco del Sambiase e di alimentare il duello a distanza che sta caratterizzando l’intero campionato. Il derby con i rossoblù è stato maschio e a tratti anche spigoloso. «Ci aspettavamo una partita simile dettata dalla scossa del cambio allenatore – spiega – Le motivazioni dei nostri avversari erano tante, ma sono soddisfatto di come i miei calciatori siano scesi in campo».

Il tecnico granata si è ritrovato a gestire una situazione di emergenza con tante defezioni: all’appello mancavano Scarnato, Granata e Villella, in più anche Piromallo non era al meglio. «Negli spogliatoi, prima dell’inizio, ho chiesto intelligenza e di giocare da Morrone. I ragazzi hanno risposto bene nonostante una formazione inedita. Le difficoltà del primo tempo erano dovute al vento, meglio è andata nella ripresa».

https://www.facebook.com/morronecalcio/videos/401575017297605/

Stranges ha lanciato nella mischia il 2001 D’Acri, un giovane che si era distinto già in precedenza con la Juniores. «Ormai è in pianta stabile in prima squadra e lo rimarrà fino al termine del campionato. Mostra concentrazione negli allenamenti, è sempre sul pezzo, tecnicamente lo vedo rapido e voglioso di apprendere. A proposito di under, mi piace evidenziare il ritorno su buoni livelli di Cordua e la conferma delle prestazioni di Raimondo. Ci siamo schierati con 4 fuori quota e chiuso con 6. In porta, inoltre, ha giocato Fabiano che quando va in panchina non è per demerito. Dico questo perché apprezzo tantissimo il suo modo di fare: è uno di quelli che dà tantissimo alla Morrone e permette di allenarci al massimo».

Finalmente è stato sfatato il tabù dei tiri dal dischetto: dopo quattro errori consecutivi, la palla è finita in rete. «Di tutte le squadre di vertice siamo quella che ha avuto meno penalty a disposizione, ma va sottolineato come dagli undici metri la nostra mira non sia stata delle migliori. Chi è ora il rigorista? Dipende da chi è in campo, sabato erano Cordua e Marchio ma entrambi il secondo lo hanno fatto battere a Ferraro».

Domenica il calendario prevede l’insidiosa trasferta di Belvedere. «Sarà una gara difficilissima, come lo era quella con la Brutium – chiude Strangs – Affronteremo il match forti di un lavoro settimanale finalizzato a raccogliere altri tre punti. Andremo lì sul Tirreno per vincere come sempre, ma il responso del campo risulterà insindacabile. Il Belvedere è allenato da un mio caro amico, Liparota, che ha un organico pieno di elementi importanti per la categoria».

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *