Il dg Chiappetta: «Morrone in linea con gli obiettivi. Novembre sarà decisivo»

Per la Morrone inizia un mese molto impegnativo. A novembre i granata di Lorenzo Stranges affronteranno nell’ordine Cassano, Aprigliano, Promosport e San Marco: da questi quattro incontri verrà fuori un quadro più chiaro di come poi si vivrà il periodo natalizio e l’inizio del girone di ritorno. «Il nostro obiettivo è restare nelle prime posizioni – conferma il direttore generale Marco Chiappetta – Siamo attrezzati per farlo e se il mercato ce lo consentirà, interverremo ove il mister riterrà necessario. La squadra sa di essere arrivata già allo step in cui deve dimostrare ulteriormente il proprio valore».

Lo status di matricola terribile nel frattempo è scomparso, perché la Morrone è diventata in pochi mesi una realtà del torneo di Promozione. «Riteniamo di essere in linea con gli obiettivi prefissati – continua il dg – In estate abbiamo deciso di voltare pagina rispetto al passato e di assemblare un gruppo nuovo. A differenza di altre squadre, tuttavia, avevamo bisogno di un periodo di rodaggio per trovare il giusto amalgama. Stiamo crescendo, anche grazie alla guida di Lorenzo Stranges. E’ un tecnico che non solo gode della fiducia della società tutta, e con i risultati ottenuti non poteva essere diversamente, ma che ha sposato alla perfezione la nostra mentalità».

Chiappetta torna sul pareggio con il Sambiase di sabato scorso che ha lasciato invariato il distacco tra le prime della classe. «Volevamo vincere e abbiamo avuto possibilità di farlo. Il pareggio non va considerato un mezzo passo falso, del resto ad agosto avremmo firmato per vedere la Morrone in questa posizione classifica. L’importante è non accontentarsi mai e cercare di trarre sempre il massimo».

Il calendario domenica pomeriggio porterà il collettivo granata ad esprimersi sullo Ionio. «Massimo rispetto per il Cassano – chiude il dg – Vanta la migliore difesa del campionato, segno che alla base c’è un’organizzazione di gioco ben collaudata. Se hanno messo in difficoltà il Sambiase e il San Marco possono farlo con chiunque. Dovremo prenderli con le molle».

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *